Items tagged with OPEN ACCESS

OpenAIRE virtual coffee break

OpenAIRE virtual coffee break

Training assessment - what does it look like for online training delivery?

  • Tuesday, 16 February 2021

Involved in open science training and looking for ways to optimize assessment of online courses? Check out the virtual coffee break meeting notes.  

Open Science e finanziamenti europei

Come ottemperare agli obblighi nei progetti H2020 e in Horizon Europe.

  • Tuesday, 02 February 2021
    Thursday, 04 February 2021
    Tuesday, 09 February 2021
    Thursday, 11 February 2021

Ciclo di 4 webinar per conoscere i principi della scienza aperta e approfondire aspetti e strumenti specifici per ottemperare agli obblighi della Commissione Europea. Il corso è riservato ai beneficiari di progetti di ricerca H2020 o Horizon Europe.

banner corso finanziamenti europei V5

Da tempo la Commissione Europea ha abbracciato l’Open Science e la sua visione partecipativa e collaborativa del lavoro scientifico. Tutti i beneficiari di fondi europei per la ricerca sono tenuti a rispettare le richieste in fatto di Open Access alle pubblicazioni, ai dati o ad altri prodotti del lavoro di ricerca. 

In concreto rendere disponibili i prodotti della ricerca significa fare scelte ponderate, saper distinguere le alternative disponibili e gli strumenti da usare. Nonché conoscere le motivazioni che guidano la scelta di un modello aperto e trasparente di comunicazione scientifica tra pari. 

Il National Open Access Desk di OpenAIRE per l’Italia organizza, in collaborazione con il Competence Center di ICDI, un corso indirizzato ai coordinatori di progetti H2020 e Horizon Europe, in cui approfondire tutte le principali questioni su Open Science e Open Access legate ai finanziamenti europei. 

Il corso è articolato in un ciclo di 4 webinar, in programma a febbraio 2021. In ciascuna lezione è previsto ampio spazio per la discussione e per rispondere alle domande dei partecipanti. 

Programma del corso:

2 febbraio, 14.00-16.30 - Introduzione e motivazioni

  • Motivazioni: come funziona la scienza oggi, valutazione della ricerca, problematiche
  • L’alternativa Open Science
  • La Commissione Europea e l’Open Science
  • Servizi e supporto per i ricercatori in Italia e in Europa: ICDI e OpenAIRE 
  • Domande e discussione (30 minuti)

4 febbraio, 14.00-16.30 - Open Access e Open Data

  • Cos’è e come si fa Open Access alle pubblicazioni
  • Open Data Pilot
  • L’importanza di gestire i dati della ricerca
  • Domande e discussione (30 minuti)

9 febbraio, 14.00-16.30 - Research Data Management e DPM

  • Principi FAIR
  • Cos’è e a cosa serve il Data Management Plan
  • Esempi di DMP
  • Strumenti per il DMP
  • Domande e discussione (30 minuti)

11 febbraio, 14.00-16.30 - Sessione pratica

  • Uso di strumenti e servizi per ottemperare agli obblighi 
  • Integrare le buone pratiche di open science nel proprio quotidiano
  • Domande e discussione (30 minuti)

Organizzatori:

Emma Lazzeri, Isti-Cnr

Gina Pavone, Isti-Cnr

Catherine Bosio, Isti-Cnr

CHIST-ERA Course on Open Science and Research Data Management

A course on Open Science and Research Data Management for CHIST-ERA beneficiaries

  • Wednesday, 02 December 2020
    Friday, 04 December 2020
    Wednesday, 09 December 2020
    Friday, 11 December 2020

The Course on Open Science and Research Data Management organised in the framework of CHIST-ERA in collaboration with OpenAIRE NOADs is dedicated to CHIST-ERA funding programme beneficiaries and call applicants.

Given the engagement of CHIST-ERA in Open Science, a new Open Science policy will come into effect starting from the next CHIST-ERA Call, with new tools, standards and support.

In collaboration with OpenAIRE, the training course has been tailored to the new CHIST-ERA policy as well as to the needs of CHIST-ERA project participants. It consists of the following 4 modules:

The course covers all modern aspects of Open Science (Publications, Open Data, FAIR principles, DMP, etc.) and familiarise you with the tools and standards now required by the new calls of CHIST-ERA.

You will find all course material linked at the bottom of this page.

OpenAIRE virtual coffee break

OpenAIRE virtual coffee break

The Open Science Skills Curriculum: what does it look like at the institutional level?

  • Wednesday, 02 December 2020

The Open Science Skills Curriculum: what does it look like at the institutional level? This is a very practical question and we seek to find concrete answers that can be shared across countries and institutions. In particular, we focused on sharing information on:

  • The topics covered by Open Science skills courses at the different stages of the researcher career (R1-R4)
  • The learning objectives for these courses
  • The means of delivery of these courses (online only, blended, face-to-face only, etc).
  • The assessment of these courses (and any certification or accreditation).

A multitude of Open Science training courses are being delivered by institutions across Europe (and beyond) to researchers at different stages of their careers. Multiple agencies and groups described their much valuable work in reports and recommendations. However, basic information on curriculum specifics at the institutional level does not appear to be generally available.

It would be useful for those who are designing and updating these courses to be able to benchmark their offerings from the curriculum viewpoint, gaining an insight into the topics and levels of detail that are considered appropriate for doctoral students/early career researchers compared with more established researchers (for example), etc.

Session notes

Praticare l’Open Science nelle scienze della Terra e dell’ambiente

  • Tuesday, 24 November 2020
    Thursday, 26 November 2020
    Tuesday, 01 December 2020
    Thursday, 03 December 2020

Un ciclo di 4 webinar per conoscere i principi della scienza aperta e approfondire aspetti e strumenti specifici per le Scienze della Terra e dell’ambiente. 

locandina OS scienze terra

L’attuale sistema delle riviste ad abbonamento con cui i ricercatori si scambiano informazioni e conoscenze limita e impoverisce il meccanismo di verifica e controllo dei risultati ottenuti da parte dei “pari” e di tutta la comunità scientifica, nonché la fertilizzazione di nuove idee. Inoltre in questo sistema si trascura di dare accesso a una parte fondamentale per il sostegno di quanto si riporta negli articoli pubblicati: i dati. 

L’Open Science è un modo di fare ricerca improntato alla trasparenza e alla collaborazione che ha l’obiettivo di eliminare le barriere di accesso e facilitare la diffusione della conoscenza. In concreto, nel quotidiano del lavoro scientifico, applicare i principi della scienza aperta può comportare l’esigenza di dotarsi di metodi e strumenti adatti che spesso sono specifici per discipline e aree di ricerca. 

Questo corso intende fornire le conoscenze di base per applicare i principi dell’Open Science e dell’Open Access alle scienze della Terra e dell’ambiente. Rivolto a docenti, ricercatori, tecnici, studenti di dottorato, assegnisti di ricerca che lavorano in questo settore, il ciclo di webinar prevede quattro lezioni di due ore e mezza ciascuna, di cui mezz’ora riservata alle domande e alla discussione. Attraverso specifici software si cercherà di favorire l’interazione e lo scambio con i partecipanti, i quali alla fine di ciascun modulo e dopo aver completato un breve questionario sugli argomenti trattati, potranno avere un attestato di partecipazione. 

Obbiettivi di apprendimento. Alla fine del corso i partecipanti:

  • saranno in grado comprendere le motivazioni alla base dell’Open Science/Open Access e le sue dinamiche;
  • conosceranno le attuali iniziative europee sull’Open Science/Open Access, e in particolare quelle legate alla loro area disciplinare;
  • avranno gli strumenti per implementare le buone pratiche dell’Open Science/Open Access nel quotidiano delle loro attività di ricerca (per esempio per la gestione e la condivisione dei dati secondo i principi FAIR, per rendere Open Access le pubblicazioni, eccetera);
  • avranno gli strumenti necessari per ottemperare agli obblighi della Commissione Europea in materia di Open Access ai dati e alla letteratura scientifica;
  • avranno le competenze di base per interagire con le  infrastrutture di ricerca nel loro settore specifico.

Programma: 

24 novembre, 14.00-16.30. Introduzione e motivazioni: Open Science e accesso ai dati scientifici.

26 novembre, 14.00-16.30. Approcci federati all’integrazione di dati scientifici multidisciplinari e servizi per l’accesso e l’utilizzo: l’esperienza dell’infrastruttura di ricerca EPOS.

1 dicembre, 14.00-16.30. Gestione dei dati della ricerca: dati Open, FAIR e DMP.

3 dicembre, 14.00-16.30. Dimostrazione pratica con strumenti e servizi per l’Open Science.

Docenti:

Daniele Bailo, INGV

Massimo Cocco, INGV

Emma Lazzeri, CNR/ISTI

Mario Locati, INGV

Alessandro Sarretta, CNR/IRPI

Comitato tecnico scientifico:

Maria Silvia Giamberini, CNR/IGG

Gina Pavone, CNR/ISTI

Equity and inclusion: open science policies

Equity and inclusion: open science policies

A joint COAR/EIFL/OpenAIRE panel session

  • Friday, 23 October 2020

Webinar jointly organised by COAREIFL and OpenAIRE on Friday, October

23rd at 12:00 - 13:30 CEST. 

This panel addressed equity and inclusion in recent open science policy developments in Asia and Europe. 

 Moderator:  Iryna Kuchma (EIFL)
 Panelists:

Open Access Week 2020 programme: 

https://www.openaire.eu/openaire-open-access-week-2020

Open Access Week: Towards a scholarly commons

Open Access Week: Towards a scholarly commons

Platform interoperability and open access transformation

  • Thursday, 22 October 2020

What does it mean to be a part of the scholarly commons? According to FORCE11, the scholarly commons is an agreement among researchers and other stakeholders in scholarly communication to make research open and participatory for anyoneanywhere. It is not another sharing platform, but a set of principlesconcrete guidance to practice, and actions towards inclusivity of diverse perspectives from around the globe.

In this webinar, we investigate OpenAIRE's role in achieving this scholarly commons, through our work concerning the OpenAIRE Guidelines on metadata interoperability, as well as publication models and services for the Open Access Transformation.

Open Science e COVID-19. Collaborare per contrastare la pandemia

Una serie di webinar e tutorial sulla condivisione dei dati su COVID-19

  • Tuesday, 21 July 2020
    Monday, 16 November 2020
    Wednesday, 28 April 2021

L’emergenza sanitaria da Covid-19 ha reso evidente la necessità di collaborare a livello globale. Per trovare soluzioni rapide ed efficaci alla pandemia è doveroso condividere nel modo più aperto possibile dati, pubblicazioni, software e altre tipologie di risultati scientifici. Se ne parlerà in una serie di webinar e tutorial organizzati dai nodi italiani di OpenAIRE, ELIXIR, RDA e EOSC Pillar.

I webinar hanno l'obiettivo di sensibilizzare la comunità scientifica sull’importanza della condivisione dei dati per monitorare l’evoluzione della pandemia Covid-19 e, soprattutto, per la ricerca di una cura efficace. Saranno messe in evidenza disomogeneità e incongruenze nella raccolta dei dati molecolari, epidemiologici e clinici, per poi illustrare strumenti e buone pratiche dell’Open Science e dell’Open Access. 

I tutorial saranno eventi formativi in cui si mostreranno soluzioni specifiche per condividere diversi tipi di dati omici e altri prodotti della ricerca, quali software di analisi e protocolli.

È necessario registrarsi per partecipare e per anticipare eventuali domande ai relatori. Il link per la registrazione si trova di seguito.

Webinar: ll COVID-19 Data Portal italiano: un punto di riferimento nazionale per i dati della pandemia | Mercoledì 28 aprile 2021, ore 15:00 (CEST) | 1,5 ore

banner covidataportal

Un webinar per illustrare il covid19dataportal.it  e le risorse a disposizione per chi produce o lavora con i dati di COVID-19  in Italia. 

Destinatari: Ricercatori, clinici e tecnici, coinvolti nella produzione, la raccolta,  l’analisi, dei risultati della ricerca su Covid-19 (dati, pubblicazioni, software, ecc…).

Con lo scoppio della pandemia la Commissione Europea ha incaricato l’European Bioinformatics Institute (EBI) e altri partner tra cui ELIXIR, l’infrastruttura Europea per la bioinformatica e i dati biologici, di realizzare il COVID-19 Data Portal, un portale “unico” che, promuovendo la cultura Open Science, faciliti l’accesso a diverse tipologie di dati su COVID-19, quali sequenze genomiche, strutture proteiche, interazioni molecolari e immagini al microscopio elettronico. Per migliorare e supportare la condivisione di dati e altre risorse scientifiche, il COVID-19 Data Portal europeo sta promuovendo la creazione di portali analoghi a livello nazionale. 

Lo scorso febbraio è stato lanciato l’Italian COVID-19 Data Portal, con lo scopo di farlo diventare uno strumento al servizio dei ricercatori Italiani e di tutti gli interessati. Il Data Portal nazionale ha l’obiettivo di presentare una raccolta esaustiva dei prodotti della ricerca italiana sulla pandemia da COVID-19, nonché una serie di servizi disponibili in Italia per la produzione, l’analisi e la gestione dei dati. Inoltre sul portale vengono fornite guide, indicazioni pratiche e un servizio di help desk presidiato da esperti, per aiutare i produttori di dati nel loro deposito presso gli appositi repository pubblici riconosciuti a livello internazionale.

Le caratteristiche principali del portale italiano saranno illustrare nel webinar “ll COVID-19 Data Portal italiano: un punto di riferimento nazionale per i dati della pandemia”, in programma per il 28 aprile 2021, dalle 15 alle 16.30. 

Saranno presentate le diverse sezioni/tipologie di dati e relative linee guida. Inoltre si fornirà una panoramica dei servizi offerti e dei possibili modi di interagire con il portale e i suoi curatori.  

Programma

  • Introduce Emma Lazzeri, ricercatrice CNR-ISTI e GARR
  • Matteo Chiara, ricercatore UniMI e ricercatore associato di  CNR-IBIOM: SARS-CoV-2 e condivisione dei dati. La situazione nel nostro paese. Focus: dati genomici”. 
  • Federico Zambelli, ricercatore UniMI e ricercatore associato di  CNR-IBIOM, Technical coordinator di ELIXIR-IT: “ELIXIR-IT e condivisione dei dati COVID-19,  l’esempio del COVID-19 Data Portal”.
  • Marco Carraro, Università degli Studi di Padova  “COVID-19 Data Portal Italy, creazione, stato dell’arte, prospettive future 
  • Discussione

Iscrizione obbligatoria al seguente link: https://us02web.zoom.us/webinar/register/WN_3eccqJAJRpSUGzLF2txqGw

Webinar: Covid-19 e condivisione del dati: perché in Italia si fa troppo poco? Seconda edizione. Lunedì 16 novembre 2020, ore 15:00 (CEST) | 2 ore

Nel webinar è stata ribadita la necessità di un cambio di rotta a favore della collaborazione tra i ricercatori. 

Webinar: Covid-19 e condivisione del dati: perché in Italia si fa troppo poco? Prima edizione. Martedì 21 Luglio 2020, ore 17:00 (CEST) | 2 ore

Nel webinar è stata esposta l'urgenza di aderire a un modello di scienza aperto e collaborativo. Sono stati illustrai aspetti specifici dell’Open Science per le ricerche su Covid-19 e le principali iniziative europee per la condivisione di dati e risultati di ricerca all'interno della comunità scientifica.

Webinar: Covid-19 e condivisione dei dati. Il problema dei dati epidemiologici

Data da definire.

Come aggiornare il dato dei nuovi contagi da Covid-19 se le regioni non seguono protocolli uniformi nella somministrazione dei test diagnostici? Siamo di fronte all’assenza di un sistema di monitoraggio univoco tra le regioni. Il webinar vuole essere occasione di confronto e discussione, a partire da alcune delle incongruenze emerse nelle raccolta e gestione dei dati epidemiologici.

Relatori e programma: da definire.

Webinar: Covid-19 e condivisione dei dati. Risorse e strumenti per i dati clinici.

Data da definire

Come sarebbe opportuno procedere per standardizzare la raccolta e la gestione dei dati clinici sull’epidemia da Covid-19, in modo da rendere più efficace il monitoraggio e dunque le politiche sanitarie pubbliche? In questo webinar si mostreranno alcune incongruenze nella raccolta dei dati clinici e si mostreranno i protocolli e le linee guida proposte  dall’Organizzazione mondiale della sanità, dal COVID19 data portal della Commissione europea e le raccomandazioni della Research Data Alliance.

Relatori e programma: da definire.

Tutorial: Covid-19 e condivisione dei dati. Come gestire i dati omici - prima e seconda parte

Date da definire

Due tutorial saranno dedicati ai diversi tipi di dati “omici” rilevanti per lo studio e l’analisi di SARS-CoV-2 (e.g.: virus/host genomics, transcriptomics, proteomics, structural data) e per ciascuno di essi saranno mostrati:

  • i vantaggi della condivisione dei dati
  • raccomandazioni/linee-guida/procedure per il processamento e la condivisione dei dati in archivi pubblici
  • come rendere i dati FAIR (Findable, Accessible, Interoperable, and Reusable)
  • sfide e aspetti da tenere in considerazione

Relatori e programma: da definire.

Tutorial: Covid-19 e condivisione del software. Protocolli e altri strumenti per l’analisi di dati.

Data da definire

La ricerca scientifica è spesso possibile grazie ai vari software di analisi dei dati. Questi, tuttavia, non sempre sono sviluppati, manutenuti e condivisi in modo da assicurare qualità e riproducibilità. In questo tutorial saranno esposti in modo pratico e concreto best practices e linee guida per applicare i principi dell’Open Science ai vari strumenti per l’analisi dei dati. 

Relatori e programma: da definire.

Comitato Organizzatore:

Francesca De Leo CNR-IBIOM

Emma Lazzeri CNR-ISTI

Loredana Le Pera CNR-IBIOM (e CNR-IBPM)

Gina Pavone CNR-ISTI

Allegra Via CNR-IBPM

Intellectual Property and Open Science: Legislation - Practices

  • Thursday, 09 July 2020

IPR webinar final

The National Open Access Desks in Greece and Cyprus organise the last webinar of the Summer season. NOADs will be back with new webinars with the start of the academic year 2020-2021, in September.

This month the focus is on Intellectual Property Rights (IPR) for the academic and research community to learn about latest developments at policy level and how they are applied.

OpenAIRE Webinar: “Intellectual Property and Open Science: Legislation - Practices”

When? Thursday, 9 July 2020

Time? 11.00 am - 12.00 pm EEST


Language of the presentation: Greek

Audience: Researchers, Research Performing Organisations, Research Funding Organisations, Librarians

We are pleased to announce that guest speaker of this webinar is legal expert Prodromos Tsiavos, Legal Adviser of "Athena" Research & Innovation Center.

The purpose of the webinar is to provide a brief overview of policies and the European legislation around IPR as well as to show how these might influence the designing of institutional and national Open Science policies. In this regard, emphasis will be given to Directive 2019/790 on intellectual property in the Digital Single Market, Directive 2019/1024 on Open Data, the European Data Policy, the White Paper on Artificial Intelligence, and the European Commission's proposal for the EOSC Partnership. All of the aforementioned policy and legislative texts will be discussed in the context of broader European Digital Policies. Finally, it will be examined how they can lead to concrete actions for improving and strengthening policies at institutional and national level.

The webinar will be recorded and all related material (slides, recordings, Q&As) will be shared with everyone afterwards.

For any questions you may have, please don’t hesitate to contact us!

      - Ελλάδα   openaire['at']athena-innovation.gr

      - Κύπρος   openaire-cy['at']ucy.ac.cy

 
 
 
 
 
 
Citizen Science OpenAIRE activities in Education

Citizen Science OpenAIRE activities in Education

Participate in the OpenAIRE Citizen Science Initiative

  • Tuesday, 30 June 2020

This webinar starts with a short introduction to OpenAIRE, followed by a description of OpenAIRE Citizen Science Initiatives and activities. More specific, the presentation focuses on the:

School Seismograph Network

  • Presentation of the School Seismograph Network
  • Implementation of the OpenAIRE approach to enable the school’s seismograph data collections (OpenAIRE PROVIDE, Zenodo), exploration (OpenAIRE EXPLORE) and applications (HELIX, HACKQUAKE). How OpenAIRE products embrace the active participation of schools into the Open Science ecosystem

Open Schools Journal for Open Science (OSJ)

  • STEM focused Open Schools Journal for Open Science, supported by OpenAIRE and how it enables students and teachers to learn about the Open Science ecosystem, rules and guidelines (i.e. licensing, metadata). Also, how teachers and students can find in Zenodo the Journal’s articles and datasets by participating in Zenodo communities in order to include them in their daily routines
  • Best practices by students’ involvement in the OpenAIRE Citizen Science Initiatives

Bringing Nobel Prize Physics to the Classroom with Zenodo

  • Presentation of a series of educational activities aiming to introduce Nobel Prize Physics to the Classroom are being developed and documented in Zenodo.

How you can participate and how to follow training actions

Q&A session

Highlight: New students discovery in the Open Schools Journal for Open Science: "Since 2009, Kepler Space Telescope has been recording small reductions (eclipses) in the light of distant stars due to the transit of planets in front of them. Our goal is to detect planets in orbit around distant stars from Kepler's mission data, following the Reading Method using two programs written by our team in programme language C. If the readings are detected and confirmed, we proceed to their analysis. characteristics of the planet: Ray, inclination, distance from the star, and especially if it is in the so-called "habitable zone" which will make it possible to maintain life. However, we have already identified such an exoplanet in orbit around the star KIC 1432789, the characteristics of which our team analyzed for the first time." - from

Κυνήγι Εξωπλανητών

 
Ανδρέας Βατίστας Βατίστας, Θανάσης Βασίλαινας Βασίλαινας, Εμμέλεια Βουτιέρου, Φωτεινή-Μαρία Δραβίλλα, Γιώργος Καλπαξής, Ρένια Μενέγου, Παναγιώτης Μιχάλαινας, Ιάσονας Παυλόπουλος, Δήμητρα Πίνα, Θωμάς Πιτσαργιώτης, Γιώργος Τσακίρης, Στέλιος Φραγκουδάκης, Δρ. Σωτήριος Τσαντίλας
OpenAIRE virtual coffee break

OpenAIRE virtual coffee break

Involved in open science training and looking for ways to optimize your online training delivery?

  • Monday, 29 June 2020

A virtual coffee break on Zoom - no presentations, just an informal experience sharing discussion, like you would have at your coffee break. Notes

Transformative agreements in Italy

  • Friday, 26 June 2020

La crisi COVID ha reso ancor più evidente la necessità dell'accesso immediato alla ricerca scientifica.

Sulla spinta delle istanze Open Science e Open Access, anche il mondo della contrattazione per le risorse elettroniche sta cambiando.

I "transformative agreements" sembrano essere lo strumento con il quale gestire in modo efficace la transizione all'accesso aperto e immediato.

Ma cosa sono di preciso i contratti trasformativi? E come si sta muovendo l'Italia?

OpenAIRE organizza un webinar per fare il punto sulla situazione, il 26 giugno, alle 11.

Ne discuteremo con 

- Colleen Campbell, OA2020: Cosa sono i contratti trasformativi e il loro contesto internazionale (30 minuti)

- Nino Grizzuti, coordinatore CARE CRUI: La stagione degli accordi trasformativi. Il contributo CRUI-CARE (15 minuti)

I restanti 15 minuti saranno dedicati alle domande.

Per motivi organizzativi è necessario registrarsi. Il form consente ai partecipanti di anticipare eventuali domande ai relatori.

IL LINK PER PARTECIPARE VERRÀ COMUNICATO VIA EMAIL AGLI ISCRITTI UN’ORA PRIMA DELL’INIZIO

Transformative agreements: a che punto siamo

Transformative agreements: a che punto siamo

  • Friday, 26 June 2020

La crisi COVID ha reso ancor più evidente la necessità dell'accesso immediato alla ricerca scientifica.

Sulla spinta delle istanze Open Science e Open Access, anche il mondo della contrattazione per le risorse elettroniche sta cambiando.

I "transformative agreements" sembrano essere lo strumento con il quale gestire in modo efficace la transizione all'accesso aperto e immediato.

Ma cosa sono di preciso i contratti trasformativi? E come si sta muovendo l'Italia?

OpenAIRE organizza un webinar per fare il punto sulla situazione, il 26 giugno, alle 11.

Ne discuteremo con 

  • Colleen Campbell, OA2020: Cosa sono i contratti trasformativi e il loro contesto internazionale (30 minuti)
  • Nino Grizzuti, coordinatore CARE CRUI: La stagione degli accordi trasformativi. Il contributo CRUI-CARE (15 minuti)

I restanti 15 minuti saranno dedicati alle domande.

Per motivi organizzativi è necessario registrarsi. Il form consente ai partecipanti di anticipare eventuali domande ai relatori.

IL LINK PER PARTECIPARE VERRÀ COMUNICATO VIA EMAIL AGLI ISCRITTI UN’ORA PRIMA DELL’INIZIO.

Il materiale del webinar verrà reso disponibile su questa pagina alla fine dell'evento.

Plan S: Taking stock of the current situation and new developments

Plan S: Taking stock of the current situation and new developments

  • Wednesday, 27 May 2020

This OpenAIRE Policy and Legal Task Force webinar focuses on recent developments around Plan S. Johan Rooryck, cOAlition S Open Access Champion, talks about cOAlition S and what Research funding organizations in cOAlition S want; research visibility; Plan S: strong principles; implementation guidance: key challenges, routes to compliance, transformative arrangements; implementation: developing a Journal Checker Tool; working with key stakeholders: researchers, early career researchers, publishers, universities; and other activities: transparent pricing and Fair Open Access Alliance (FOAA), non-APC funding models and cOAlition S office. Niamh Brennan, Trinity College Dublin and OpenAIRE NOAD in Ireland, talks about Ireland’s experience with its National Open Science Strategy and Plan S: the scholarly publishing landscape in Ireland, Ireland’s Open Access Repository Network and National Open Access Research Portal http://rian.ie, HRB Open Research, National Open Research Forum, mapping national OA Policy to Plan S (1st iteration), National Framework on the Transition to an Open Research Environment – ‘Plan S-friendly’ – but its primary concern is to be more ‘Irish research-friendly, ‘AmeliCA-friendly’ – in terms of its emphasis on academy-based infrastructures and on  alternatives to fee-based publishing and supportive of scholarly communication initiatives in the Global South, stressing equity, bibliodiversity and revisiting the issues of copyright and licences, immediate Open Access & Choice of Open Access Route calling to end publisher embargoes on researchers self-archiving their AAMs, and diamond publishing. The webinar recording also includes questions and discussion.

Accesso aperto nelle scienze della Terra e dell’ambiente

Accesso aperto nelle scienze della Terra e dell’ambiente

Un seminario sull’Open Science e gli strumenti per aprire la conoscenza

  • Thursday, 14 May 2020

Organizzato da IGG e ISTI attraverso il National Open Access Desk di OpenAIRE, il seminario intende guardare al mondo dell’Open Science dal punto di vista specifico delle scienze della Terra e dell’ambiente.

Quali sono le ragioni alla base delle politiche europee sull’Open Science e come si declinano nello specifico delle scienze della Terra? Nel seminario in programma per il 14 maggio si parlerà delle motivazioni che spingono ad adottare pratiche per rendere la scienza più aperta e trasparente, con un taglio disciplinare specifico, quello appunto delle discipline della Terra e dell’ambiente. 

Il seminario Open Science: come dare accesso aperto alla conoscenza, Un focus sulle scienze della Terra e dell’ambiente affronterà gli aspetti di base e fornirà alcuni strumenti pratici, tra cui:

  • le motivazioni alla base dell’Open Science
  • l’Open Access alla letteratura scientifica
  • la gestione dei dati della ricerca (aspetti legali, dati FAIR e dati open)
  • l’Open Science e le infrastrutture europee per le scienze della Terra e dell’ambiente.

Saranno fornite indicazioni su strumenti e buone pratiche utili a inserire la scienza aperta nel ciclo quotidiano della ricerca, mostrandone i vantaggi e le implicazioni etiche. Una parte del seminario sarà dedicata agli obblighi previsti dai finanziamenti della Commissione Europea in H2020 e nel prossimo programma quadro Horizon Europe. Inoltre si getterà uno sguardo ai  passi compiuti in questi anni dalla Commissione Europea a favore della Open Science, anche attraverso la costituzione di Infrastrutture di ricerca dedicata alle scienze della Terra e dell’ambiente.

Il seminario durerà 1 ora e 30 minuti, seguiti da altri 30 minuti per le domande e la discussione.

Il seminario è pensato per ricercatori afferenti al dipartimento di scienze della Terra e dell’ambiente del CNR e in generale per tutto il personale di ricerca che lavora su progetti finanziati dalla Commissione Europea.

Docenti: Emma Lazzeri (CNR-ISTI, Pisa), Mariasilvia Giamberini (CNR-IGG) e Gina Pavone (CNR-ISTI, Pisa)

Appuntamento al 14 maggio, dalle 11:00 alle 13:00.

Compilando questo form potrete registrarvi e ottenere il link per assistere al webinar 

La registrazione del webinar, le slide e tutto il materiale di supporto saranno resi accessibili attraverso questa pagina.

OpenAIRE
flag black white lowOpenAIRE-Advance receives
funding from the European 
Union's Horizon 2020 Research and
Innovation programme under Grant
Agreement No. 777541.

Subscribe

  Unless otherwise indicated, all materials created by OpenAIRE are licenced under CC ATTRIBUTION 4.0 INTERNATIONAL LICENSE.
OpenAIRE uses cookies in order to function properly. By using the OpenAIRE portal you accept our use of cookies.